ILVA, se Arcelor va via, occasione per il governo: chiuda e tuteli gli impiegati

La reiterata richiesta di Arcelor Mittal di ottenere l’immunità penale, civile ed amministrativa per la gestione dell’Ilva da parte del nostro Governo collide non solo con la nostra Costituzione come ieri abbiamo fatto presente, ma anche con la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo del 24 gennaio 2019, la quale ha condannato l’italia per non aver salvaguardato la saluta dei cittadini, colpiti dagli inquinamenti di detta acciaieria.

Dunque il governo non ha problemi di scelta: deve eliminare l’immunità a suo tempo concessa ai gestori dell’Ilva e se gli indiani intendono abbandonare questa acciaieria esso deve considerare questo abbandono un’ottima occasione per chiudere questa industria e salvaguardare soprattutto, come la nostra Costituzione prevede, la salute dei cittadini.

Si sottolinea che la vasta zona occupata da questa industria velenosa può essere agevolmente riconvertita in altre attività non inquinanti e molto più remunerative, che tutelerebbero l’impiego di tutti i dipendenti dell’Ilva.

Quanto alla proprietà del suolo è indubbio che la sua vendita a privati è stata effettuata in violazione delle norme precettive e imperative di cui all’articolo 41 della Costituzione secondo il quale: “l’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza la salute dei cittadini, alla libertà, alla dignità umana”. Ed è dunque agevolmente annullabile ai sensi dell’articolo 1418 del Codice Civile., tenendo per altro presente che l’azione di nullità è iprescrittibile.

3 thoughts on “ILVA, se Arcelor va via, occasione per il governo: chiuda e tuteli gli impiegati

  1. Quando Di Maio dichiarò che era stato scelto il male minore, visti i vincoli e spuntato garanzie di tutela sull’ambiente oltre a salvare posti di lavoro, dissi che queste condizioni un’azienda pirata come quelli subentrata, non le avrebbe rispettate e questa renne stata l’occasione per sanzionata e salvare capre e cavoli.

  2. Sono scappato da Taranto nel 2009 per salvaguardare la salute dei miei figli allora di 8 e 6 anni augurando ai miei concittadini la chiusura dell’Ilva. Oggi, dopo 10 anni, continuo a sostenere che, la migliore soluzione era e resta sempre la stessa, la chiusura totale dell’impianto.
    Tale disgrazia farà sollevare il popolo Tarantino “Spartano” e gli porterà una grazia.

    1. Se facciamo un salto indietro, ricordiamo Napoli, 30 eppure Italsider chiusa, lasciando un territorio devastato da residui oleosi e altri tipi di veleni. Hai ragione, anche noi sosteniamo che Ilva a Taranto va chiusa per salvare vite, persone e non facciamo l’errore di lasciare tutto nelle mani della rappresentanza politica per una eventuale riconversione dell’area, non dobbiamo fare mancare pressioni di ogni tipo, perchè oltre 14000mila persone potrebbero non avere più un lavoro ma almeno salveranno la loro vita e quella dei loro figli. Pensiamo, proponiamo a soluzioni possibile, su che fare dopo la chusura

Rispondi a Ricciotti Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *