Le conseguenze economiche del Covid intervista a Nino Galloni

Intervista all'economista NIno Galloni che delinea il profilo della crisi economica futura. Le indicazioni per cambiare rotta erano già state formulate prima della crisi sanitaria.

di Redazione Sovranità Popolare.

Quali conseguenze economiche per l’Italia dopo la crisi sanitaria del Covid-19? Anna Lisa Maugeri intervista l’economista Nino Galloni che traccia un profilo della crisi economica prossima da fronteggiare.

Sul fronte sanitario ci sono polemiche in corso, è discutibile il modo in cui si sono curate le persone, e dubbi sulle scelte del distanziamento sociale.
La situazione economica era già critica, prima dell’emergenza. Il suggerimento era già stato ampiamente riportato in diverse interviste: era, ed è necessario, intervenire con strumenti monetari alternativi che non sono impediti dai trattati, e che consentirebbero di creare un flusso monetario di supporto all’economia per consentire una ripresa.

Si sono viste le conseguenze delle scelte fatte in passato sulla sanità. Bisogna assolutamente sostenere la domanda interna, vice vera i dimezzamenti del fatturato sconsigliano alle imprese di riaprire.

Le previsioni sono pesantissime. La chiusura delle imprese potrebbe essere più grave di quello del calo della domanda. Prevedibili tensioni sociali.
Potremmo trovarci di fronte a una catastrofe politica con conseguenze gravissime.

L’esame delle scelte del governo. Non si deve fare la patrimoniale, ma una emissione di titoli che i cittadini ricchi possono sottoscrivere. Non è possibile utilizzare strumenti di debito con la redditività negativa dei tassi, dobbiamo uscire dalla trappola del debito.

Buona visione.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici
Segui il blog e abbonati alla nostra rivista Sovranità Popolare

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile cartaceo, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

1 Commento

  1. grande (come al solito)Nino G.
    mi piacerebbe non fosse trascurata l’importanza di almeno una banca nazionale a cui si ordina non si chiede.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*