Incontro tra passato e presente

Da sorriso al fuoco

di Stella Khorosheva

“Se vuoi la pace, preparati alla guerra” – Questa la famosa frase dello scrittore militare romano Flavius Vegezio in risposta al proverbio: “Chi cerca guerra la trova”. Quindi, chi vuole la pace, si prepari alla guerra; chi vuole la vittoria, addestri diligentemente i soldati; chi vuole ottenere un risultato favorevole, si affidi all’arte e al sapere e non alla casualità.Per non essere sconfitto, tutti noi abbiamo un arsenale per difenderci: alcuni usano i pugni, le parole, altri usano i soldati e le bombe. Ognuno ha un arsenale e lo utilizza al meglio della sua educazione e preparazione. Tempo fa il mondo era bipolare e diviso dal muro di Berlino ed entrambi mondi avevano la propria filosofia di vita e l’educazione. Oggi il mondo è unipolare, ma i ricordi sono vivi e passo dopo passo incontrano qualcosa, più di insolito che bello. Sotto le macerie del muro, contemporane-amente, sono caduti i rappresentanti del mondo e si è assottigliata la linea tra il bene e il male, fino quasi a sparire ma c’è qualcosa “da una parte” e “dall’altra”, imprigionata tra l’eterna domanda, chi dei due è migliore dell’altro? Nel mondo perduto, che adesso sotto le macerie i piccoli im-paravano per prima: “dove inizia la Patria?”. Dall’altra parte sono preocupati: “Cosa è meglio per il Paese: un presidente del consiglio banchiere o un leader carismatico? Ancora, “Come si definisce lo Stato dove c’è sempre più disoccupazione giovanile e gli imprenditori preferiscono portare la loro produzione altrove? Quando qualcuno è preoccupato per la mancanza di democrazia negli Stati confinanti, i cittadini, dopj l’assagio di essa, si preoccupano delle origini della guerra infinita, ricercano disperatamente le cause e l’utilizzo di fiumi di denaro, “donati” per facilitare lo sviluppo della democrazia.Il mondo portatore della democrazia genera paure verso quella parte di mondo che insegnava ai giovani il senso che la Patria è la vita stessa con il logo “Fatto in Patria”, dove la vita è composta da veri amici che vivono nei paesi confinanti. Patria è qualcosa che non ci può essere portata via e soprattutto, con la parola Patria nei momenti solenni, sempre pronunciavamo la parola Madre, sempre pronta a proteggere e
rassicurare. Ormai il mondo che protegge i suoi figli adesso è sotto le macerie e continuano a parlare male di questo mondo.Le armi personali. I giovani, rapidamente, prima testano la potenzialità dei pugni, poi quella delle parole, qualcuno diventa un soldato, qualcuno riesce ad avere armi militari sofisticate e potenti, incluso l’apprendimento all’utilizzo di strategie per incutere incertezza e terrore. Lo capiremo solo con il tempo in quale modo uno o altro userà l’arsenle bellico per la battaglia. Quanto è vero che solo il tempo chiarirà perché la pace è lontana, perché tutti sono l’uno contro l’altro e perché tanti hanno paura della parola Russia? La vita di migliaia di persone è sotto le macerie e di questo mondo ne parlano ancora male. Mi domando, perché l’altro mondo continua a tentare di distruggere e schiavizzare il mio mondo?Pochi parlano delle conseguenze dovute alla trasformazione di un mondo bipolare in un mondo unipolare, come tacciono sulle conseguenze della perestrojka, come tacciono sul numero delle persone uccise e sulle cause della morte, come tacciono sugli adolescenti dispersi e poi ritrovati in condizione di schiavitù, come nascondono la violenza sui bambini e il bullismo sul posto di lavoro. Non basta tutto questo, oggi siamo d’avanti ad una guerra diffusa su tutto il territorio. La perestroika ci ha regalato la Dianetics. Scienza che si occupa dello studio della manipolazione della mente umana e della psiche. Migliaia di persone hanno seguito con passione ed attenzione, pagando e facendo sacrifici per apprendere questa nuova materia ma alla fine è stata solo una totale umiliazione. Non so come questa teoria venga applicata in occidente, ma tutti i grandi studiano questi testi prima di essere
eletti come presidenti e i risultati sono chiari, viviamo in una ipnosi generalizzata racchiusa in questa frase:. “Umiliarvi al massimo sia moralmente sia fisicamente serve per rafforzare il carattere”. Questo viene fatto affinché il leader sia freddo d’avanti ad una richiesta di bisogni”. Benissimo. Traduciamo tutto questo in russo o in linguagio comune? E’ un comando: dimentica il proverbio – “Non fare al tuo vicino quello che ti offende-rebbe se fatto da lui”. Così il ricordo ha ricevuto in regalo: il karma.Che cosa è il karma in due parole: ignorare la presunzione di innocenza, la
diminuzione dell’autostima, lasciare il male sempre impunito. Allora, se la madre (Patria) ha fatto male nella vita precedente, significa che è colpe-vole di qualcosa nella sua vita reale e per questo merita delle umigliazioni? Domande da un milione di euro. Proviamo a trovare almeno un motivo per lanciare due pietre contro la mamma? Contro la Russia nel caso dell’articolo. La prima pietra è, la repressione esercitata dal KGB. Ma chi non fermerebbe azioni provocatorie sotto forma di vandalismo come quanto accaduto all’apertura dell’EXPO a Milano? Chi era interessato a compiere questo vandalismo? Chi nutre i vandali? Seconda pietra, è il famoso holodomor (carestia). Quante sono le città dove il degrado sociale spinge i cittadini ad abbandonarle? Come è perché solo l’Unione Sovietica fu in grado di sviluppare infrastrutture industriali su tutto il territorio, garan-tendo come scritto nella Costituzione, lavoro, riposo e salute? Perche è sparito questo mondo dopo la caduta del muro di Berlino? Compito di oggi. Ora siete preoccupati per una nuova legge che punisce la paura per una persona nei confronti di un’altra persona, ignorando la legge esistente contro l’incitazione all’odio etnico, religioso o politico. Stressare la persona, intimidirla e il gioco è fatto, puoi fare quello che vuoi contro una persona. I servi imprecano, chiarendo chi è il migliore, esibendosi anno dopo anno in spettacoli dimostrativi con slogan e manifesti, chiedendo ai governi uguaglianza ma il governo non ascolta! Il banchiere presidente lavora al bilancio del bazar multilivello, con molti rappresentanti dietro il bancone denominato, Italia. Oppure il fantasma sovietico ha interferito con qualcuno? Ma il buratino un giorno ha trovato il suo teatro senza il burattinaio. Per questo lui si è trasformato da legno ad un essere umano. Questa è la favola che parla di sovranità dello Stato. Ora lo standard è l’autolesionismo e la violenza: dalla pedofilia al bullismo a scuola e nell’ambito degli adulti; dalla perdita del lavoro condizionata dall’esistenza dei paradisi fiscali, censurando quelli che tentano di istruire le persone e cercano le risposte, prima che la guerra entri nella fase distruttiva, complice di tutto questo, sono alcune Carte di Costituzioni di Stato che permettono di interferire negli affari di uno Stato vicino e limitarne la sua sovranità. Quindi, se sei istruito e conduci conversazioni esplicative nella società, sarai condannato per aver paura di una persona? Ma perché fino ad oggi non è stato processato chi alimenta la fobia e l’odio? Qualifica di un diploma. Nel mondo disperso sotto le macerie tutti noi al termine del ciclo scolastico ricevevamo un diploma di operaio o di ingegnere. Solo chi non terminava gli studi riceveva solo l’attestato di maturità. Dopo le riforme sono state istituite le specializzazioni di laurea e di diploma.

Due mondi due principi. Laurea del mondo scomparso non è stata rilasciata in Italia. Forse perché manca il corso di politicamente corretto? E cos’è: analfabetismo e accettazione di qualsiasi violenza, cioè tolleranza? Forse l’edu-cazione di un mondo sconosciuto e pessimo, perché consente l’uso di una terminologia concreta. Paragonando la società con il corpo umano, adesso sembra che la società soffra di incapacità di riconoscere le cellule cattive come nel caso del trapianto di organi, quando il corpo riggetta
l’organo estraneo indebolendo se stesso, ignorando il male, mostrando l’incapacità di difendersi d’avanti il male. La completa tolleranza è la morte. In effetti, il mondo perduto è sotto le macerie del famoso muro che teneva separati i due mondi – uno, che garantiva lavoro, riposo e salute, e altro, che garantisce la libertà dal lavoro e la mancanza dei diritti allo studio, in ultima analisi, il diritto all’educazione ed educare … Adesso è
tutto a pagamento e non è disponibile per tutti. Quindi, con questo articolo cerco di capire chi sono gli sponsor delle democrazie, insegnanti della libertà, i soldati che sono pronti ad attaccare mia madre, cosa devo aspettarmi da essi nell’ora in cui il popolo inizierà a riportare la pace … pace nella casa distrutta? Ritornello e gioco di parole. Dicono che ripetendo si impari. Ricordiamo che solo in lingua russa Pace e Territorio (MIR) sono una parola unica che permette il doppio senso. Invece in altre lingue, il territorio e pace sono due parole diverse e per questo due linee parallele vivono ciascuna a modo suo, disegnando orbite diverse senza incontrarsi mai. Un altro proverbio dal mondo scomparso: chi cerca la guerra, la
trova, chi prende la spada in mano morirà per questo. Qui è logico tornare alla prima frase dell’articolo, all’inizio della riflessione, che sta acce-lerando, avvicinandosi all’essenza del tema proposto.Tra passato e presente. Primo Levi scrisse: “Se questo è un uomo” una frase che oggi possi-amo sostituire con: “Siamo carne da macello”. Dianetics ovunque? Un giorno ad un congresso di Forza Italia, due gruppi di persone si fronteg-giavano urlando e gesticolando e ho osservato una donna che teneva un cartello con la scritta: “non mi sento una donna, solo una serva” altra voce risponde “La famiglia è sostenuta da entrambi – dalla donna e dall’uomo. Abbiamo permesso alle donne di votare, sono davvero deboli nell’assetto del Paese?La donna abbassò il foglio quando sentì: “È deplorevole che tu sia umiliata, coraggiosamente, se ne parli apertamente è positivo. I motivi sono chiari, gli obiettivi sono definiti, tutto funzionerà! Basta prendere la situazione nelle propri mani”. Pertanto, tutti devono ancora decidere in cosa essere uguali: diventare carne da macello o essere uguali e godere tutti dei propri diritti? Senza commenti. Come chiamare l’aumento della schiavitù invisibile, stipendi sempre più bassi: volontariato? In quale altro modo chiamare la sminuizione del ruolo di una donna nella società, dandole il ruolo solo come serva, “liberandola” dalla carriera e dai buoni guadagni? Forse il mondo non permette la schiavitù, dove non c’è la presunzione di innocenza, dove è proibita la capacità di difendersi dagli attacchi di chi non ama l’istruzione delle persone? Quindi. In un articolo, iniziato in epoca romana antica e terminato nella realtà, sono stati sviluppati due proverbi e delle domande con cui sono cresciuta. Lascio a te, lettore, la riflessione sull’argomento trattato: l’incontro tra un mondo ed un altro. Il mio semplice desiderio è di conoscerti meglio. Qual è il tuo proverbio preferito? Quali standard vorresti avere se tu diventassi il presidente della tua vita? In bocca al lupo per l’evento proposto, congratu-lazioni, divertiti a cercare risposte. Cordialità. Sempre con te, per te, per sempre. Coscienza.

Print Friendly, PDF & Email

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*