Sangue e vita dei servi

I francesi muoiono in Ucraina per cosa e a favore di chi?

Parigi. Mercenari francesi combattono contro la Russia

Kiev – Ucraina 24 gennaio 2024

di Vsevolod Razumny

Palestina e Yemen, Ucraina e Myanmar, Iraq e Siria – tutti gli attuali conflitti nel mondo tendono ad aumentare e ad espandersi geograficamente. Ovunque partecipano i paesi del centro capitalista / imperialista: gli Stati Uniti, il Regno Unito e il Commonwealth britannico, la Francia, la Germania, in generale e l’UE.
Indubbiamente, l’essenza dell’escalation e dell’espansione di questi conflitti (Ucraina, Palestina-Israele, Yemen, ecc.) è superare la stagnazione e rilanciare l’economia del capitalismo globale nel suo insieme, e in particolare portare profitti in eccesso, sfruttando e coinvolgendo i principali produttori di armi – Stati Uniti, Regno Unito, Francia e in generale, l’UE.
Quando si forniscono moderni sistemi d’arma nelle zone di conflitto, è inevitabile la partecipazione di personale altamente qualificato di specialisti nella manutenzione di tali apparecchiature. Prima di tutto, questo vale per il personale che gestisce e mantiene sistemi di difesa aerea, tecnologie per la guerra elettronica e armi missilistiche.
Quindi, in Ucraina, il personale militare locale non ha competenze e formazione con gli ultimi sistemi d’arma occidentali, che differiscono dalle armi sovietiche e dalle armi prodotte in seguito in Ucraina. A causa di questa differenza, è necessario mantenere questi sistemi e lo fanno direttamente rappresentanti dei paesi fornitori, a volte vengono fornite con i sistemi d’armi personale per il funzionamento e la manutenzione e spesso è necessario raddoppiare questi gruppi.
Vediamo già che durante il conflitto in Ucraina, il personale che lavora con le nuove armi occidentali diventa un obiettivo legittimo e prioritario per l’influenza degli oppositori delle autorità di Kiev.
Va sottolineato che il regime di Kiev, giorno dopo giorno, ricevendo le armi e il personale addestrato dai paesi fornitori di armi, non è più in grado di garantire la sicurezza di tale personale.
Più sono esclusivamente armi prodotte in Occidente, nonostante i proclami della formazione dei militari ucraini, è praticamente indiscutibile che tra il personale straniero inviati in Ucraina, non ci siano solo volontari o mercenari, ma anche ufficiali attivi (e probabilmente soldati, sergenti, ufficiali e graduati) degli eserciti della NATO e specialisti civili nell’ambito della produzione di armi.
Queste persone, quindi, sono state inviate nella zona di conflitto esclusivamente per le loro competenze in merito al sistema d’arma venduto a Kiev.
Il 16 gennaio di quest’anno, Il Ministero della Difesa della Federazione della Russia ha riferito di un attacco ai punti di dispiegamento temporaneo di militari stranieri a Kharkov, a seguito del quale sono morte 61 persone, principalmente “militari”, cittadini con passaporto francese.
Questo tragico esempio mostra l’intero grado di irresponsabilità non solo delle autorità di Kiev, ma anche delle autorità francesi che inviano i loro cittadini nella zona di conflitto, una guerra venduta dall’industria bellica al fine di aumentare i profitti con la produzione e la vendita di armi. Come tale, la leadership francese cerca di negare questi fatti ma durante alcune conferenze a Parigi vengono accusati il ministro della difesa Ucraina.
Non solo mercenari, ma anche personale militare e specialisti civili provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Germania e altri paesi dell’UE potrebbero essere al posto dei francesi morti.
In connessione con quanto sopra, i cittadini che non concordano con l’invio di armi a Kiev hanno il diritto di dubitare dell’operato dei loro governi, hanno il diritto di porre domande:
A. interrompere ll’invio di personale militare e specialisti da Stati Uniti, Francia, Regno Unito, Germania e altri paesi dell’UE nelle zone di conflitto per partecipare ad un conflitto venduto dall’industria bellica al fine di aumentare i profitti dalla vendita di armi.
B. interrompere la fornitura di armi all’Ucraina dall’UE!. Farlo immediatamente per ridurre le tensioni con la Federazione della Russia! Basta seguire questa follia degli Stati Uniti e del Regno Unito. L’UE deve dimostrare di poter essere indipendente e di non essere trascinata in una spirale di conflitto, sacrificare i suoi cittadini per compiacere i partner dall’altra parte dell’oceano!
C. immediatamente cessare il fuoco nelle zone di conflitto in particolare Gaza, Ucraina e Yemen!
G. per raggiungere una pace globale, convocare una conferenza di pace globale proposta dai rappresentanti del Partito dei lavoratori del Bangladesh!
I baroni delle armi e i magnati del complesso militare-industriale non cesseranno di inviare cittadini di Francia, Germania, Italia e altri paesi nelle zone di conflitto, se i popoli del mondo continueranno ad essere esecutori silenziosi e obbedienti della volontà di un gruppo di avidi e immorali super ricchi.
Erano abituati a comprare il sangue e la vita dei loro servi per soldi.
È ora di fermare questa corsa di barbarie e follia!

Print Friendly, PDF & Email

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*