Appello alla comunità mondiale, all’ONU, all’Alleanza BRICS, al mondo multipolare e al Sud globale.

Convocare una Conferenza di pace globale!

Il lavoro del Sud Globale. di Shiraz Bayjoo 2013

1. Gli attuali conflitti nel mondo tendono a intensificarsi e ad espandersi geograficamente. I Paesi del centro capitalista/imperialista (USA, Gran Bretagna e Commonwealth britannico, Francia, RFT, in generale l’UE) partecipano a queste guerre.

2. L’essenza dell’escalation e dell’espansione di questi conflitti (Ucraina-Russia, Palestina-Israele, Yemen) è superare la stagnazione e rilanciare l’economia del capitalismo globale nel suo complesso, e in particolare portare superprofitti ai principali produttori di armi – Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e l’UE nel suo complesso.

3. Quando si forniscono sistemi d’arma moderni in zone di conflitto, è inevitabile assumere personale altamente qualificato di specialisti per la manutenzione di tali macchine. Questo vale soprattutto per il personale che gestisce e opera i sistemi di difesa aerea, i sistemi di difesa missilistica e le armi missilistiche. Pertanto, il personale locale in Ucraina non può funzionare pienamente quando lavora con i più recenti sistemi d’arma occidentali, che sono diversi dalle armi sovietiche, e successivamente dalle armi prodotte in Ucraina. A causa di questa differenza, è necessario che l’assistenza a questi sistemi venga effettuata da rappresentanti dei Paesi fornitori, a volte con interi equipaggi.

4. Nel corso del conflitto ucraino, il personale che lavora con le nuove armi occidentali diventa un obiettivo legittimo e prioritario per l’influenza degli oppositori delle autorità di Kiev.

5. Va sottolineato che, attirando le armi più recenti e il personale addestrato dai Paesi fornitori di armi, il regime di Kiev non è in grado di garantire la sicurezza di questo personale.

6. È quasi indiscutibile che non solo volontari o mercenari, ma anche ufficiali attivi (e forse soldati e ufficiali) degli eserciti della NATO e specialisti civili di aziende produttrici di armi sono tra i dipendenti degli ultimi sistemi di armamento inviati in Ucraina. Pertanto, queste persone sono state inviate nella zona di conflitto esclusivamente per dovere d’ufficio.

7. Il 16 gennaio di quest’anno, il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito di un attacco ai punti di trasferimento temporaneo dei militari stranieri a Kharkov, in cui sono rimaste uccise 60 persone, presumibilmente soprattutto francesi. Questo tragico esempio mostra tutta la portata dell’irresponsabilità non solo delle autorità di Kiev, ma anche di quelle francesi, che inviano i loro cittadini nelle zone di conflitto a causa degli eccessivi profitti delle multinazionali delle armi. Anche la leadership francese sta cercando di negare questi fatti.

8. Non solo mercenari, ma anche personale ed esperti civili provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania e altri Paesi dell’UE potrebbero prendere il posto dei francesi morti.

9. La recente dichiarazione del Presidente francese Macron che chiede l’invio di truppe dai Paesi europei nella zona di conflitto in Ucraina è estremamente allarmante, in quanto esprime l’intenzione dei circoli dirigenti francesi di trascinare i propri cittadini nel fuoco del conflitto e risolvere così parte delle contraddizioni interne alla Francia.

A questo proposito, noi, persone di buona volontà, popoli del mondo e pubblico amante della pace dell’Occidente, ci rivolgiamo all’ONU, al Parlamento europeo, al Congresso degli Stati Uniti, ai parlamenti dell’UE e del Regno Unito e chiediamo:

A. Fermare immediatamente e incondizionatamente il fuoco nelle zone di conflitto esistenti – Gaza, Ucraina, Yemen!

B. Fermare la pratica di inviare soldati e specialisti civili da Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Germania e altri Paesi dell’UE nelle zone di conflitto per generare i superprofitti dei grandi produttori di armi!

C. Fermare le forniture di armi a Israele e all’Ucraina da parte dell’UE! L’Europa non deve essere trascinata in una spirale di conflitti, sacrificando i propri cittadini a vantaggio di partner stranieri!

D. Per raggiungere una pace globale, è necessario convocare al più presto una Conferenza di pace globale!

Appello alla comunità mondiale, all’ONU, all’Alleanza BRICS, al mondo multipolare e al Sud globale.

Letture suggerite

Cresce l’influenza dei Brics nel settore energetico

L’Iniziativa di Sicurezza Globale proposta dalla Cina

 

Print Friendly, PDF & Email

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*