Paradossi dei nostri tempi. Julian Assange

Julian Assange libero ora

Julian Assange Milano

di Alida Parisi
Articolo 21 della Costituzione italiana: ”Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure (…)”

1°Emendamento della Costituzione americana: «Il Congresso non potrà porre in essere leggi per il riconoscimento ufficiale di una religione o per proibirne il libero culto, per limitare la libertà di parola o di stampa o che limitino il diritto della gente a riunirsi in forma pacifica e a presentare petizioni al governo (…)”

Il 19 maggio pomeriggio, nella centralissima piazza Dei Mercanti di Milano, il presidio organizzato dal Comitato per la liberazione di Julian Assange ha esposto l’opera di Davide Dormino Anything to say? – 3 sculture di dimensioni reali raffiguranti Manning, Snowden e al centro Assange, in piedi su 3 sedie – il cui allestimento è coinciso con la sentenza della Corte suprema londinese che si è espressa non per l’estradizione negli Stati Uniti D’America di Julian Assange ma con la concessione dell’appello. L’opera si completa con una quarta sedia vuota sulla quale si sono alternate persone del popolo e personalità della cultura milanese per esprimere liberamente il proprio pensiero. Tra gli intervenuti è salito sulla quarta sedia Moni Ovadia, secondo cui “questa battaglia ha l’obiettivo chiaro della liberazione di Assange ma in Assange ci dovremmo riconoscere tutti perché il messaggio che si vuol trasmettere, con l’intenzione di seppellire a vita Assange in una prigione di massima sicurezza, è: state attenti! Da molto tempo ci raccontano la barzelletta che siamo in una democrazia. Non è vero. Quando tocchi i gangli che mettono in discussione il potere, la democrazia finisce immediatamente. È quello che ha osato fare Julian Assange con la pubblicazione di documenti americani secretati.

Milano. Assange Julian

È quello che succede agli studenti che occupano le università per dimostrare pacificamente contro il genocidio del popolo palestinese e che vengono accusati di impedire la serenità dello studio e altre baggianate simili. Ma perché si studia? Per formarci prima di tutto come esseri umani, poi come cittadini e poi per ricevere gli strumenti della conoscenza critica che ci permette di analizzare la società in cui viviamo e questa cosa dà fastidio al potere. Noi però non possiamo accettare che sui nostri simili vengano perpetrate violenze, discriminazioni, intimidazioni, minacce. Assange rappresenta tutti noi e noi tutti dobbiamo essere come Assange, pronti a dire che avremmo fatto come lui, se ci fossimo trovati in quella situazione. Pportare alla conoscenza dei cittadini del mondo i crimini spaventosi commessi dalle cosiddette democrazie è un dovere morale. Nel corso di tutto il ’900 gli Stati Uniti hanno scatenato un numero impressionante di guerre mentre vogliono apparire come quelli che difendono la libertà e la democrazia, ma hanno sempre e solo difeso il dollaro. Allora di fronte alle mobilitazioni per Assange, al magistero di quest’uomo straordinario, al calvario che ha subito, una vera civiltà abbasserebbe la testa e si leverebbe il cappello. Noi riconosciamo in quest’uomo un grandissimo valore della democrazia, non una minaccia. Purtroppo, però noi viviamo sempre di più in una società che vuole riattivare la cultura dell’autoritarismo: come è possibile che una Europa che è stata devastata e distrutta dai fascismi, oggi tolleri partiti apertamente nazisti? E li vediamo dappertutto, in Polonia, in Ungheria… Julian Assange è in un carcere duro mentre, lo vediamo proprio in questi giorni, dei ladri conclamati vengono messi semplicemente agli arresti domiciliari. Il suo carcere di massima sicurezza serve quindi a fare da monito a tutti coloro che volessero fare la stessa cosa. Assange invece dovrebbe avere un posto tra i Giusti”. Cosa pensare allora, se è vero che l’opera di Davide Dormino, anything to say?, che da circa un decennio viaggia nelle diverse città del mondo, proprio a Milano, medaglia d’oro per la resistenza, non abbia ricevuto da parte del Comune l’autorizzazione ad esporre e, se ciò è avvenuto domenica 19 maggio, è solo grazie all’intervento dell’ANPI, con un permesso orario fino alle 18:30? Pensiero allineato, sottomesso, dimissionario, irreggimentato?
Carlo Monguzzi, anche lui salito sulla sedia, ha spiegato che con la tendenza, o meglio con la scusa della ‘cattiva’ informazione, vengono messe a tacere tante cose tra cui le fonti, fondamentali per la ricerca della verità. Il Gruppo Cronisti Lombardi più in particolare ha precisato che “per l’attività di giornalista di fondamentale importanza sono gli informatori, senza i quali l’informazione muore e verso i quali è diretta, appunto, la grande intimidazione, condotta attraverso un limite sempre maggiore posto all’accesso agli atti, ma anche con le nuove leggi, Cartabia e ‘bavaglio’, in un progressivo crescendo di limitazioni alla libertà dell’informazione” e di controllo delle masse.
Le guerre sono estese oltre i campi di battaglia, laddove in guerra, una delle prime vittime a cadere è la verità e “se le guerre possono essere avviate dalle bugie, esse possono essere fermate dalla verità” (Julian Assange)

Print Friendly, PDF & Email

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

2 Commenti

  1. 我提议朱利安·阿桑奇担任英国名誉总统! 想一想!

    PROPONGO JULIAN ASSANGE PRESIDENTE ONORARIO D’INGHILTERRA! PENSATECI!

    אני מציע את ג’וליאן אסאנג’ לנשיא כבוד של אנגליה! תחשוב על זה!

    I PROPOSE JULIAN ASSANGE HONORARY PRESIDENT OF ENGLAND! THINK ABOUT IT!

    JE PROPOSE JULIAN ASSANGE PRÉSIDENT D’HONNEUR DE L’ANGLETERRE ! PENSEZ-Y!

    Ich schlage Julian Assange zum Ehrenpräsidenten Englands vor! DENK DARÜBER NACH!

    أقترح جوليان أسانج رئيسًا فخريًا لإنجلترا! فكر في الأمر!

    EK STEL JULIAN ASSANGE ERE PRESIDENT VAN ENGELAND VOOR! DINK DAAROOR!

    मैं जूलियन असांजे को इंग्लैंड के मानद राष्ट्रपति का प्रस्ताव देता हूँ! इसके बारे में सोचो!

    私はジュリアン・アサンジを英国名誉大統領に提案します! 考えてみてください!
    .

    • Grazie Andrea, concordiamo e sosteniamo la tua proposta. Vediamo che altro si aggiunge a noi

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*