Piano di salvezza nazionale Intervista a Guido Grossi

Emissione speciale di titoli di stato

Non abbiamo bisogno di prestiti internazionali. Non abbiamo bisogno di prendere a prestito moneta a debito sui mercati finanziari. Possiamo valorizzare il risparmio privato proteggendolo. Più di 4 mila miliardi da tutelare e valorizzare (art. 47 Cost.) attraverso l’offerta di titoli a breve termine, garantiti e riservati esclusivamente al risparmio di operatori nazionali…
e non solo…
ecco la prima di sei interviste volte a presentare più da vicino il piano di salvezza nazionale e le sue proposte

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici
Segui il blog e abbonati alla nostra rivista Sovranità Popolare

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile cartaceo, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

4 Commenti

  1. IL DEFINITIVO AFFONDO ALLA DEMOCRAZIA, ALLA LIBERTA’ D’IMPRESA, AI RISPARMI DEI CITTADINI E AI BENI COMUNI

    Secondo le linee tracciate assisteremo ad una completa riconversione del nostro sistema produttivo e alla distruzione del suo tessuto fatto di micro, piccole e medie imprese.
    Sarà favorito l’accorpamento aziendale ai grandi gruppi, ai quali sarà concesso per operazioni di fusioni e acquisizioni una deducibilità del 120% sulle tasse, mentre alla ricerca e all’innovazione gestite da questi trust sarà garantita una deducibilità del 200%.

    Il sostegno al nuovo impianto dell’economia sarà garantito da un “Fondo per lo sviluppo” al quale lo Stato, le regioni, le province e i comuni tutti conferiranno immobili, partecipazioni in società quotate e titoli. È prevista inoltre la possibilità di attingere a parte delle riserve auree di Bankitalia.
    Tutta l’operazione sarà quindi sostenuta con l’intero patrimonio pubblico del paese e a garantirla ci sarà Cassa Depositi e Prestiti con i suoi capitali, quelli costituiti dai Buoni fruttiferi e dai Libretti postali dei cittadini italiani.

    Ormai è chiaro che voglio la normalizzazione dello stato di emergenza. Con la privazione delle nostre libertà individuali è in atto un’eversione dell’ordine costituzionale.
    Con il lockdown e il distanziamento sociale stanno creando le condizioni per sottrarci ogni forma di sovranità. Anche la libertà d’impresa ci sarà negata perché hanno in mente di operare una riconversione del sistema produttivo e un suo accentramento nelle mani di pochi grandi gruppi, ivi compresi distribuzione e commercio al dettaglio, con la sparizione di tutte le imprese, grandi e piccole, colonna portante del sistema paese. Questo cambio di paradigma era già tracciato nelle prime esternazioni dei componenti della task force nominata da Conte. Per attuarlo stanno testando metodi dispotici e di polizia con chi manifesta il proprio disagio e chiede interventi di aiuto vero al governo.

    Il pericolo che ci vengano sottratti, con il nostro consenso ottenuto con la paura, i diritti fondamentali della persona, diventa un’evidenza sempre più allarmante. La stessa Carta Costituzionale viene, senza nessuna remora, continuamente scavalcata, mentre è stato del tutto esautorato il Parlamento, a dimostrazione del fatto che ormai la nostra Repubblica è stata svuotata della sua realtà istituzionale e politica facendo largo al governo di organismi internazionali che veicolano gli interessi delle lobby del potere finanziario e industriale.
    Si può facilmente presumere che il nostro paese sarà messo nelle mani delle multinazionali e dei grandi fondi di Investimento angloamericani, saranno loro a decidere come ricostruire il sistema produttivo secondo le linee della presunta riconversione green e l’accentramento nelle mani di pochi grandi gruppi.

    Potremmo, a ragione, individuare nell’attuale momento di crisi pandemica la fase finale della globalizzazione con i suoi processi di accentramento della ricchezza in poche mani, di sottrazione dell’autonomia degli Stati e della libertà dei popoli.

    Ci aspettano momenti molto difficili che metteranno a dura prova la resilienza al nuovo paradigma socioeconomico. Siamo quindi alla resa dei conti. Vedremo se siamo una umanità destinata all’asservimento o siamo capaci di stringerci a difesa della libertà e concepire quella comunione sociale (politica e spirituale) unica nostra salvezza.

    Bisognerà far sì che la ricchezza privata di cui siamo in possesso vada a supporto della necessaria resilienza e sia messa in gioco per creare una rete alternativa di servizi e una struttura produttiva capace di garantire non solo l’autonomia alimentare, ma gli scambi di merci all’interno dei territori, in modo da sottrarci alle modalità di accentramento e alla dipendenza al nuovo sistema.

    Si tratta di non stare al loro gioco. Se viene privatizzata la Sanità o la Scuola bisognerà creare i nostri ospedali, le nostre scuole, un nostro sistema di scambio del valore lavoro, un nostro sistema di pagamento fondato sulla fiducia. Ma perché tutto questo sia possibile. occorre ritrovare uno spirito comunitario dove ognuno abbia in mente l’interesse di tutti, dove l’intera comunità sia schierata a difesa di ogni singolo componente.

    • D’accordo con lei su tutto il fronte. Dobbiamo organizzarci in fretta per evitare che riescano a portare a termine i loro criminali programmi. Un caro saluto

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*