I rappresentanti politici ignorano la Costituzione della Repubblica italiana

Sembra che i politici abbiano deciso di non tenere alcun conto delle norme e dei principi della Costituzione della Repubblica italiana, la quale, come si legge nelle norme transitorie della stessa, è “legge fondamentale dello Stato”.

Infatti, mentre con il decreto crescita si toglie alla “proprietà pubblica” del popolo, concedendola a una SPA probabilmente straniera l’acqua che alimenta l’Irpinia, la Puglia e la Basilicata, con un colpo di genio la Regione Lazio regala all’Acea le acque pubbliche del Peschiera e del Le Capore, prosciugando i relativi territori con gravissimo disagio delle popolazioni locali e facendo guadagnare alla stessa Acea 150 milioni di utili (da divide tra i soci) solo per quest’anno, in piena violazione con quanto dispone l’articolo 43 della Costituzione.

Non è così, a termine di Costituzione, che va gestita, nell’interesse di tutti, l’acqua pubblica, che è parte integrante del territorio italiano ed è oggetto di “proprietà pubblica demaniale” dell’intero popolo, checché ne dicano alcuni docenti che vogliono eliminare il demanio.

Assurda è poi la posizione del governo nei confronti dei 42 naufraghi ai quali è stato vietato di sbarcare dalla Sea Watch e si trovano ancora nel porto di Lampedusa in situazioni igienico-sanitarie terribilmente gravi.

Questo significa non essere consapevoli che la Costituzione della Repubblica italiana “riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo”, “imponendo inderogabili doveri di solidarietà sociale”, e che, nel caso in esame, la comandante Carola Rakete, costretta dallo “stato di necessita”, non poteva che agire secondo quanto ha ritenuto di fare.

Un governo che non riconosce lo stato di necessità per salvare la vita e la salute dei naufraghi, come impone l’articolo 32 della Costituzione, dimostra una completa disinformazione delle norme costituzionali e dei principi generali dell’ordinamento giuridico.

Infine la polemica tra Di Maio e Salvini sulle concessioni autostradali a Benetton e sull’interessamento della società privata Atlantia, facente capo allo stesso Benetton, alla compagnia di bandiera Alitalia, dimostrano che Matteo Salvini, ministro dell’Interno e Vice Presidente del Consiglio dei Ministri, vuol far prevalere, calpestando la Costituzione, l’interesse privato sull’interesse pubblico generale.

In questa vicenda hanno agito bene Luigi Di Maio e Danilo Toninelli, i quali hanno messo al primo posto l’interesse del popolo italiano e non quello privato delle SPA di Benetton, la cui ricchezza consiste nell’appropriazione e nella gestione di servizi pubblici essenziali e di beni in proprietà pubblica i quali sono tutelati, nell’interesse del popolo, dal citato articolo 43 della Costituzione. Gli italiani dovrebbero unitariamente richiedere con forti toni al governo soprattutto il rispetto della Costituzione ed in particolare il rispetto di quanto essi stessi hanno deciso con il referendum sull’acqua del 2011.

1 thought on “I rappresentanti politici ignorano la Costituzione della Repubblica italiana

  1. Un privato fa prima i propri interessi, poi vengono gli altri. I nostri governanti hanno ceduto al privato un bene pubblico, l’autostrada, perché hanno detto, che il privato ci fa risparmiare nella gestione, perché i dipendenti del privato lavorano e sono precisi, quelli pubblici no, sono fannulloni; ci hanno propinato questa polpetta avvelenata e l’abbiamo digerita!!! Grazie al privato i pedaggi sono aumentati, i parcheggi costano 6 € per 1 minuto, i parapetti e i ponti dell’autostrada crollano, contiamo decine e decine di morti.
    Quando penso che il sistema autostradale italiano realizzato con le tasse pagate dai nostri nonni e padri, questo patrimonio economico industriale, questa gallina dalle uova d’oro se ce la fossimo tenuta stretta come Stato, sicuramente oggi sarebbe diverso, cosi come sarebbe diverso per tante altre aziende statali cedute al privato .
    Invece “privato è bello !!!” lo dicono tutti. (Io no e sono molto arrabbiato)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *