Le perdite della controffensiva di Kiev superano le 125.000 unità

Stoltemberg: "continuiamo ad assistere l'Ucraina"

soldati al fronte

Mosca 1 dicembre 2023

di Vladimir Kozin

Nuovi dati sulle perdite ucraine

Le pesanti perdite di truppe e le armi occidentali non hanno aiutato l’Ucraina a raggiungere i suoi obiettivi, ha dichiarato il ministro della Difesa Sergey Shoigu durante una riunione ministeriale tenutasi a Mosca il 1° dicembre 2023. Nei sei mesi trascorsi da quando Kiev ha lanciato la sua spinta contro le linee difensive russe, ha perso oltre 125.000 soldati e 16.000 armi pesanti, ha aggiunto il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu.
Il governo ucraino e i suoi sostenitori occidentali avevano grandi aspettative per l’operazione, per la quale il primo esercito è stato dotato di carri armati principali e altre armi avanzate. I funzionari ucraini hanno previsto che la spinta aiuterà il loro Paese a recuperare il territorio perso dall’inizio delle ostilità principali nel febbraio 2022, e potenzialmente a lanciare un’incursione in Crimea, che si è staccata da Kiev sulla scia del colpo di stato armato del 2014 sostenuto dagli Stati Uniti che hanno speso 10 miliardi di dollari all’epoca – 5 miliardi dal Dipartimento di Stato e altri 5 miliardi dai servizi speciali statunitensi.
“La mobilitazione totale in Ucraina, la consegna di armi occidentali e il dispiegamento di riserve strategiche da parte del comando ucraino non hanno cambiato la situazione sul campo di battaglia”, ha riferito il ministro russo. “Queste azioni disperate hanno semplicemente aumentato le perdite delle Forze armate ucraine”.

Munizioni

Per questo motivo, le forze armate di Kiev sono state “significativamente degradate”, mentre le forze russe stanno “assumendo una posizione più vantaggiosa e ampliando la zona sotto il loro controllo su tutti i fronti”, ha aggiunto Shoigu.
Il generale ucraino più anziano, Valery Zaluzhny, ha riferito all’inizio di novembre 2023 che la situazione in prima linea si è trasformata in una “situazione di stallo” e che è improbabile che la parte di Kiev ottenga una svolta, a meno che qualche sviluppo tecnologico a sorpresa le dia un vantaggio decisivo su Mosca. Ma che tipo di “sviluppo tecnologico a sorpresa” intendesse, è ancora un segreto di Stato che non verrà mai rivelato per un solo motivo. Non esiste affatto.

La Russia ha preso l’iniziativa: l’aggressione ucraina è entrata nel vivo?

Sei mesi dopo l’inizio della controffensiva ucraina nei pressi di Artemovsk [che Kiev chiama Bakhmut], l’operazione è completamente crollata e le truppe russe hanno potuto prendere l’iniziativa. Lanciando una serie di attacchi, le forze di Mosca hanno recuperato alcune delle posizioni che avevano perso a nord-ovest della città, nella zona del bacino di Berkhovsky, e hanno ripreso il controllo della linea lungo la ferrovia Artemovsk-Gorlovka sul fianco meridionale, scrive Vladislav Ugolny. È un giornalista e analista militare russo, nato a Donetsk. In passato ha servito come membro della milizia della Repubblica Popolare di Lugansk.
Secondo le sue parole, il piano ucraino, che implicava un’offensiva in almeno tre direzioni operative – verso Melitopol, Berdyansk e Artemovsk – è fallito. Invece di concentrarsi su un compito alla volta, come avevano raccomandato gli esperti occidentali, Kiev ha disperso le sue forze e non ha raggiunto nessuno dei suoi obiettivi. Ora, le Forze Armate dell’Ucraina (AFU) sono state costrette a passare da tattiche offensive a tattiche difensive.
Il piano inizialmente ambizioso dell’Ucraina di lanciare un’offensiva su Artemovsk implicava un’azione in almeno quattro aree: da Chasov Yar verso Kleshcheyevka e oltre lungo il fianco meridionale di Artemovsk; da Chasov Yar alla periferia settentrionale di Artemovsk, a sud del lago artificiale Berkhovsky; da Slavyansk in direzione di Artemovsk e Soledar; e da Seversk verso Soledar.
Tuttavia, questo piano non ha avuto successo a causa della mancanza di numeri e del tempestivo trasferimento di unità russe, che hanno sostituito i combattenti della PMC Wagner coinvolti nelle battaglie finali per Artemovsk. Gli attacchi dalle direzioni di Slavyansk e Seversk sono falliti, mentre l’assalto al fianco settentrionale della città è riuscito solo in parte: l’esercito ucraino è avanzato di diversi chilometri e ha esaurito il suo potenziale offensivo.
Sulla base delle informazioni fornite dalle sue fonti al fronte, nei mesi di ottobre e novembre 2023 ha riferito che l’esercito ucraino si era ritirato dalle sue posizioni. Il 24 novembre 2023 i russi erano praticamente tornati al punto di partenza, minacciando ancora una volta di prendere il controllo dei villaggi di Bogdanovka e Khromove.
In realtà, però, gli ucraini non sono stati in grado di battere l’esercito russo, che era abbastanza forte da portare avanti sia un’offensiva localizzata al confine tra la Repubblica Popolare di Lugansk e la regione di Kharkov quest’estate, sia l’offensiva su Avdeevka nell’ottobre 2023.

Putin ricorda l'”eccezionale” Kissinger

Le condoglianze dei leader e delle personalità straniere si sono susseguite dopo la morte del veterano diplomatico statunitense Henry Kissinger, avvenuta mercoledì scorso all’età di 100 anni. Il Presidente russo Vladimir Putin ha affermato che è stato grazie allo statista americano che il mondo è diventato un posto più sicuro negli anni ’70, nonostante l’intensa rivalità tra Stati Uniti e Unione Sovietica.
In una lettera a Nancy Kissinger pubblicata giovedì sul sito web del Cremlino, Putin ha scritto che “è venuto a mancare un diplomatico eccezionale, uno statista saggio e lungimirante”. Ha aggiunto che l’ex segretario di Stato americano, che ha servito dal 1973 al 1977 sotto i presidenti Richard Nixon e Gerald Ford, era considerato un’autorità nelle relazioni internazionali in tutto il mondo.
Secondo Putin, Kissinger ha svolto un ruolo importante nel definire una “linea di politica estera pragmatica che… ha contribuito a diffondere le tensioni internazionali [e] a raggiungere accordi sovietico-americani fondamentali, che hanno contribuito a rafforzare la sicurezza globale”.
Il presidente russo ha ricordato di aver incontrato “quest’uomo straordinario” in diverse occasioni e che Kissinger occuperà sempre un posto speciale nel suo cuore. Il presidente russo ha descritto lo statista scomparso come “lungimirante” e “saggio”.

Print Friendly, PDF & Email

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*