Violenze sessuali e contrabbando di armi

Militari della Legione Internazionale denunciano la cattiva condotta del regime di Kiev

Mercenari stranieri con esercito ucraino

La testata giornalistica “The Kyiv Independent” pubblica questa indagine per fare luce sul presunto abuso di potere di alcuni ufficiali della Legione Internazionale, una legione creata per militari stranieri dedicati alla difesa dell’Ucraina come parte delle forze di difesa territoriale. I membri dell’unità della Legione affermano di aver denunciato la cattiva condotta dei loro comandanti alle forze dell’ordine ucraine, al parlamento e all’ufficio del presidente Volodymyr Zelensky, ma non hanno visto una reazione adeguata e quindi si sono rivolti ai giornalisti come ultima risorsa. I soldati che hanno indicato i problemi all’interno di questa unità della Legione affermano di aver ricevuto minacce per aver parlato. Per la loro sicurezza, non riveliamo le loro identità.

di Anna Myroniuk, Alexander Khrebet

All’inizio di maggio, un luogotenente brasiliano è arrivato in Ucraina per unirsi alla Legione Internazionale in seguito all’appello del presidente Volodymyr Zelensky ai “cittadini del mondo” perché venissero ad combattere per l’Ucraina.

Pensava che la sua vasta esperienza nell’esercito brasiliano lo avesse preparato per qualsiasi compito.

Eppure non era né pronto a compiere missioni suicide per ordine del suo comando, né a tollerare ordini di saccheggio e furto.

In qualità di comandante di plotone della Legione Internazionale, gli fu ordinato di fare proprio questo.

L’ufficiale brasiliano ricorda i suoi subordinati dicendo, prima di dimettersi dalla legione: “Siamo venuti qui per aiutare questa gente a combattere per questo Paese, contro questa invasione. Non siamo venuti qui per fare esattamente quello che fanno i russi quando sono sul suolo ucraino.

L’indagine del Kyiv Independent rivela problemi endemici in un reparti della Legione Internazionale che è supervisionata dall’intelligence ucraina.

Secondo diverse fonti, alcuni dei comandanti dell’unità sono implicati in furti di armi e beni, molestie sessuali, aggressioni e invio di soldati impreparati in missioni suicide.

Le accuse in questa storia si basano su interviste con legionari, testimonianze scritte di oltre una dozzina di ex e attuali membri della legione e un rapporto di 78 pagine che illustrano i problemi all’interno di questa particolare unità della Legione Internazionale.

Da circa quattro mesi i combattenti stranieri bussano alle porte delle alte cariche chiedendo aiuto. Il rapporto è stato presentato al parlamento e le testimonianze scritte sono state inviate all’ufficio di Zelensky. Alyona Verbytska, commissaria del presidente per i diritti dei soldati, ha confermato di aver ricevuto le denunce dei legionari e le ha trasmesse alle forze dell’ordine.

Ma le autorità, dicono i soldati, sono riluttanti a risolvere il problema.

Leadership fallita?

La Legione Internazionale, dicono i soldati, è composta da settori. Le forze di terra ucraine ne supervisionano uno. L’altra è coordinata direttamente dall’intelligence del ministero della Difesa ucraino, nota con l’acronimo GUR.

Le accuse in questo rapporto riguardano il settore della Legione gestita dal GUR. Questa unità contava fino a 500 persone e comprendeva circa un terzo della Legione Internazionale, secondo le fonti del Kyiv Independent raccolte tra i soldati.

Il GUR non ha risposto alla richiesta dei giornalisti ed autori dell’inchiesta.

Secondo i membri del settore della Legione gestita dall’intelligence, i loro comandanti riferiscono direttamente al capo della GUR, Kyrylo Budanov, che Zelensky ha anche nominato a capo del comitato dell’intelligence a fine luglio.

Ufficialmente, il settore GUR della Legione è gestita dal maggiore Vadym Popyk. Tuttavia, non gestisce l’unità da solo.

Il potere è nelle mani di poche persone: il braccio destro di Popyk, il maggiore Taras Vashuk (indicato dai soldati come “giovane Taras”), un ufficiale dell’intelligence tra i 20 e i 30 anni, secondo i combattenti stranieri; Lo zio di Vashuk, anche lui Taras (indicato come il “vecchio” Taras) e anche un ufficiale dei servizi segreti; e Sasha Kuchynsky, 60 anni.

“Sono come i migliori amici”, ha detto ai tre uomini un legionario americano al Kyiv Independent.

Il giovane Taras, il vecchio Taras e Sasha gestiscono le operazioni dell’unità. Mandano soldati in missione e coordinano l’intelligence della Legione. Sasha è anche responsabile della logistica e delle forniture.

I legionari accusano il trio di vari illeciti. Per i due Taras, le maggiori denunce riguardano l’invio di soldati in missioni suicide.

Un soldato americano intervistato dal Kyiv Independent ha descritto un paio di missioni che hanno avuto luogo vicino alla città meridionale di Mykolaiv, uno dei punti caldi della guerra.

Le truppe russe hanno scoperto la posizione della loro squadra e hanno iniziato a bombardarla pesantemente. Il resto delle truppe si ritirò dalla posizione secondaria dietro di loro, lasciando la squadra a mantenere la prima linea da sola, senza rinforzi.

“Siamo stati letteralmente lasciati soli e non volevano evacuarci”, ha detto il soldato. Il suo commilitone, Scott Sibley, è stato ucciso , mentre altri tre sono rimasti gravemente feriti in quella missione.

Poco dopo che la squadra è sfuggita ai bombardamenti, a un altro gruppo della stessa unità è stato ordinato di prendere la stessa posizione.

“Abbiamo detto al comandante che quelle posizioni sono state scoperte dai russi… Se torniamo lì, siamo tutti morti”, ha detto il soldato americano al Kyiv Independent.

Il vecchio Taras non ha ascoltato e ha inviato un altro gruppo nello stesso posto, ha detto il soldato. La storia si è ripetuta, ma questa volta con quattro morti, più molti feriti e uno fatto prigioniero . Il soldato prigioniero, Andrew Hill, ora deve affrontare un “processo” e una possibile esecuzione a Donetsk con l’accusa di essere un mercenario.

Le azioni di Sasha Kuchynsky, tuttavia, si distinguono per la quantità dei presunti illeciti.

Oltre a mandare i combattenti a morire, hanno detto i legionari, Kuchynsky li ha costretti ad aiutarlo a saccheggiare i negozi. I combattenti hanno detto al Kyiv Independent che è anche un forte bevitore che abusa dei suoi subordinati.

Un altro soldato, un ebreo americano, ha detto al Kyiv Independent che i soldati ebrei hanno sperimentato l’antisemitismo da parte di Kuchynsky. Ha sottolineato di non averlo provato in nessun altro reparto dell’esercito ucraino.

Il soldato dice anche che Kuchynsky ha chiesto di avere una parte dell’equipaggiamento che il soldato ha acquistato per alcuni suoi commilitoni e coetanei della legione. Quando il soldato si è rifiutato di darlo, Kuchynsky gli ha puntato contro una pistola.

“E poi Sasha (Kuchynsky) ha iniziato a urlare, ‘So che c’è della roba qui. Dammi la tua roba’”.

“E davanti al traduttore, mi punta la sua arma. E io ero tipo: ‘Mi sparerai? Mi sparerai.’ E poi c’è questo tipo di sguardo di, onestamente, rimorso, ma come ‘Oh, e lui ha posato la pistola”, ha continuato il soldato.

Ha detto di aver incontrato una volta un legionario al quale anche Kuchynsky aveva puntato contro una pistola.

Secondo un altro legionario americano, Kuchynsky ha anche molestato le donne mediche nella loro unità, usando con loro un linguaggio sessualmente violento. Secondo il soldato americano, i medici della legione si sono lamentati, ma nessuno ha fatto nulla al riguardo. Il medico straniero che conosceva e che era stato molestato da Kuchynsky non è più nella Legione e da allora ha lasciato l’Ucraina, ha detto.

Quando era nei guai, dicono i legionari, Kuchynsky si rivolgeva a Taras Vashuk per insabbiare.

“Sasha rivolgendosi a Taras ottenne la conferma che può fare tutto ciò che vuole. E Taras lo sosteneva costantemente”, ha detto un soldato scandinavo al Kyiv Independent.

Tuttavia, ad oggi, Kuchynsky rimane de facto nella sua posizione di comando nella Legione nonostante le lamentele dei suoi subordinati e nonostante il fatto che, secondo la legge ucraina, non può, come straniero, ricoprire ruoli esecutivi nell’esercito.

Di fronte alle accuse dei legionari, Kuchynsky si rifiutò di affrontarle.

“Spetta all’ufficio del procuratore militare affrontare queste domande”, ha detto al telefono al Kyiv Independent. “Non ci sono commenti. Sono occupato.”

Ha poi riattaccato.

Un’indagine della Procura militare non sarebbe la prima volta che Kuchynsky ha problemi con la legge.

‘Sasha Kuchynsky’

Secondo le fonti del Kyiv Independent all’interno della legione, Sasha Kuchynsky non è il vero nome dell’uomo. Si presume sia Piotr Kapuscinski, un ex membro di un’organizzazione criminale polacca, fuggito in Ucraina dopo diversi problemi con la polizia.

Su richiesta del Kyiv Independent, i nostri colleghi del gruppo di giornalismo investigativo Bellingcat hanno eseguito un confronto di immagini tra le foto di Sasha Kuchynsky, fornite dai legionari, e le foto di Piotr Kapuściński dai media polacchi. I risultati supportano la conclusione che le foto sono della stessa persona.

In Polonia, Kapuscinski è ricercato per frode e rischia fino a otto anni di carcere. Secondo Gazeta Wyborcza, giornale polacco, ha già scontato la pena.

È fuggito dalla Polonia nel 2014 ed è riemerso in Ucraina due anni dopo. È stato indagato in Ucraina per rapina aggravata e violenza sessuale nell’ottobre 2016, ma è stato accusato solo di rapina. Nel novembre 2016 è stato arrestato e ha trascorso più di un anno dietro le sbarre.

Varsavia ha chiesto a Kiev di estradare Kapuscinski nel 2017, ma le autorità ucraine hanno detto che lo avrebbero prima processato in Ucraina.

È riemerso di nuovo nel maggio 2021, quando le forze dell’ordine hanno perquisito il suo veicolo dove hanno trovato una pistola semiautomatica e proiettili e hanno proceduto a perquisire un edificio che ha usato, trovando esplosivi. Ha rischiato fino a sette anni di carcere per possesso di armi illegali, ma è stato quasi immediatamente rilasciato su cauzione di quasi $ 2.500.

Dopo lo scoppio della guerra russa a febbraio, Kapuscinski si è unito all’esercito, a quel punto i tribunali hanno sospeso il suo caso e poi hanno rimborsato la sua cauzione nel maggio 2022.

Il suo passato criminale non ha impedito a Kapuscinski di entrare nella Legione e di ottenere un ruolo esecutivo lì. La legislazione dice che tutte le reclute straniere devono passare attraverso controlli sui precedenti prima di entrare nell’esercito ucraino. Non è chiaro se una fedina penale conta come un affare rompicapo.

In Ucraina, i cittadini possono prestare servizio militare se hanno procedimenti penali in corso o una condanna esaurita. La legge, però, non fa riferimento agli stranieri. Quindi, quando un tribunale ucraino ha sospeso il caso di Kapuscinski e restituito la sua cauzione, stava applicando la stessa norma che si applica agli ucraini.

Piotr Kapuscinski, noto nella Legione Internazionale come Sasha Kuchynsky, è visto in piedi alla stazione ferroviaria con indosso un’uniforme militare ucraina e una spallina da colonnello. (Per gentile concessione dei combattenti della Legione)

Nella Legione, Kuchynsky (Kapuscinski) si definisce colonnello e indossa una spallina da colonnello, secondo le testimonianze dei soldati e le fotografie di Kuchynsky i legionari fornite all’Indipendente di Kiev. In effetti, gli stranieri possono prestare servizio nelle forze armate ucraine solo nei ranghi inferiori, come soldati, sergenti e sottufficiali.

Dall’inizio dell’anno, l’uomo che si fa chiamare Sasha Kuchynsky sarebbe passato da sospetto criminale su cauzione a uomo libero e comandante di fatto in un’unità militare ucraina di alto profilo.

Passato polacco: Broda, il gangster 

Secondo quanto riportato dai media polacchi, in Polonia Piotr Kapuscinski è conosciuto come “Broda” (Barba), un influente ex membro della banda di Pruszków , un tempo la più grande mafia del paese.

Era il braccio destro della leadership interna del gruppo, “Wanka” e “Malizna”, e riciclava denaro per loro, secondo Mariusz Kaminski, vicepresidente del partito Legge e giustizia e attualmente ministro dell’Interno della Polonia e coordinatore dei servizi segreti polacchi.

I media polacchi hanno riferito che avrebbe evitato almeno 71 accuse, incluso il rapimento a scopo di riscatto, collaborando con le forze dell’ordine come “testimone della corona” nel 2009 nel caso incentrato sulla banda di Pruszkow.

Intorno al 2010-2011, Kapuscinski ha testimoniato contro gli assassini di Marek Papala, il capo della polizia polacco, assassinato nel 1998. Kapuscinski avrebbe confessato di aver aiutato i due assassini, un russo e un bielorusso, aiutandoli ad affittare un appartamento a Polonia. 

A seguito delle sue testimonianze in “vari casi contro la criminalità organizzata”, almeno 20 persone, inclusi i capi e altri membri della banda di Pruszkow, sono state accusate di partecipazione alla criminalità organizzata. Nove sono stati condannati mentre i casi contro Kapuscinski sono stati sospesi, secondo i media polacchi recensiti dal Kyiv Independent.

Nel febbraio 2020 è stato privato dello status di “testimone della corona”, in parte per non essersi presentato in tribunale e quando è stato chiamato a comparire presso l’ufficio del pubblico ministero.

Per le sue presunte irregolarità nella Legione Internazionale, Kuchynsky è già stato interrogato più volte.

In primo luogo, dal Servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU) dopo aver minacciato con una pistola uno dei soldati americani. Secondo il soldato, Kuchynsky non ha subito alcuna conseguenza.

Poi, dalla procura militare in seguito alle denunce di altri legionari contro di lui, abuso di potere, frode e aggressione. Kuchynsky ha negato le accuse e ha mantenuto il suo lavoro. L’indagine, tuttavia, è in corso.

Mandato a morire

L’indagine su Sasha Kuchynsky, tra gli altri episodi, riguarda l’invio di soldati in quella che chiamano una missione suicida a Sievierdonetsk , una città chiave nell’oblast di Luhansk che le truppe russe hanno sequestrato alla fine di giugno.

Secondo il tenente brasiliano che ha parlato al Kyiv Independent, gli ordini di Kuchynsky erano incoerenti.

All’inizio, l’unità brasiliana ha trascorso due settimane a prepararsi per una missione di sminamento a Zaporizhzhia Oblast, una regione meridionale.

All’inizio di giugno, a pochi giorni dall’inizio della missione, furono improvvisamente spostati in un altro luogo. Kuchynsky ordinò loro di recarsi a Sievierdonetsk nell’oblast di Luhansk orientale e di mantenere una posizione vicino alle linee nemiche.

Entrare in uno dei principali punti caldi della guerra era molto diverso da una missione di sminamento. Non sarebbe stato un problema se fossero stati preparati, ha detto l’ufficiale brasiliano, ma non lo erano.

“Siamo state due settimane a preparare questi ragazzi con tutti i tipi di addestramento e metal detector e anti mine… e ora ci manderai nella zona industriale per il tipo di combattimento urbano. Sasha, è pazzesco”, ricorda il legionario di aver detto al suo comandante.

“Capisco. Sono con te lì, ma questo è l’ordine”, avrebbe risposto Kuchynsky.

I combattenti della Legione Internazionale accusano alcuni dei loro comandanti di averli inviati in cosiddette missioni suicide impreparati e senza informazioni sulla posizione delle truppe amiche e nemiche. (Illustrazione: Karolina Gulshani)

Il tenente brasiliano iniziò a pianificare l’operazione a Sievierodonetsk, ma né Kuchynsky né Taras Vashuk, l’altro comandante, gli diedero alcuna informazione – che secondo lui avrebbero dovuto – sulla situazione sul campo. A quel punto, Sievierdonetsk era un centro di pesanti combattimenti. Le truppe ucraine si sarebbero ritirate dalla città un paio di settimane dopo.

“Molte domande poste non hanno avuto risposta, come dove fossero le truppe amiche”, ha detto l’ufficiale brasiliano.

Solo in seguito ha appreso che il precedente gruppo inviato in questa stessa missione era stato colpito dal fuoco amico dei soldati ucraini. Un altro legionario brasiliano fu ucciso e dovettero ritirarsi.

“Siamo entrati in campo senza sapere cosa stesse succedendo”, ha detto l’ufficiale.

“Mi sono reso conto che quei figli di puttana non ci permetteranno di pianificare”, ha detto di Sasha e Taras. “Ci porterebbero semplicemente nel mezzo del posto, ci scaricherebbero lì per combattere, ci scaricherebbero lì per morire”.

All’arrivo, un militare delle forze speciali ucraine li ha informati. Ha detto al brasiliano che le truppe ucraine sono all’interno degli edifici lungo il loro percorso, ma non hanno possibilità di comunicare tra di loro, quindi sparano a tutti ciò che si muove.

“Ma che cazzo? Come passeremo? Questi ragazzi (ucraini) ci spareranno addosso?”. Ha chiesto il brasiliano.

“Si, è esatto. Dobbiamo nasconderci”, gli avrebbe risposto il soldato ucraino.

Hanno trascorso quattro giorni lì invece dei due previsti. Finirono il cibo e l’acqua e chiesero la rotazione, ma Kuchynsky, che li aveva mandati lì, non rispose.

“Nessuno ha dormito, tutti sono super stanchi. Alcuni dei miei ragazzi sono disidratati e un ragazzo ferito. E siamo rimasti lì. Questo è quando Sasha (Kuchynsky) è andato fuori dal radar”, ha detto.

Presto qualcuno che non conoscevano si è messo in contatto via radio dicendo che un nuovo gruppo stava arrivando. I soldati sono arrivati ​​ma poi se ne sono andati nel cuore della notte senza dire nulla. Il giorno successivo, un’altra squadra è arrivata per sostituirli.

Il brasiliano crede che Kuchynsky non avesse un piano per la loro estrazione.

“Un gruppo di aspiranti, che giocano con la vita delle persone”, ha detto della leadership dell’unità. Il suo resoconto delle missioni suicide è confermato da altri soldati, sia nelle conversazioni con l’Indipendente di Kiev che nelle testimonianze ufficiali presentate all’Ufficio del Presidente.

Il leader del plotone brasiliano e un paio dei suoi soldati sono rimasti feriti ma sono sopravvissuti. Dopo essere stati finalmente evacuati da Sievierodonetsk, la maggior parte dei combattenti della squadra decise di lasciare la Legione.

“Ce ne andiamo”, ricordava il tenente.

La squadra del combattente brasiliano non è l’unica ad aver lasciato la Legione, delusa.

Gli stranieri che hanno lasciato la Legione Internazionale a causa della scarsa organizzazione , della mancanza di attrezzature e dei contratti a tempo indeterminato hanno già fatto notizia sui media internazionali.

Saccheggio del centro commerciale

Intorno al periodo della battaglia di Sievierdonetsk all’inizio di giugno, i legionari ricevettero da Kuchynsky un compito controverso: guidare dalla loro base a un centro commerciale locale nella città in prima linea di Lysychansk nell’oblast di Luhansk e prendere la merce dai negozi.

“Ho sentito direttamente l’ordine di Sasha Kuchynsky ai soldati della mia unità di entrare nel centro commerciale, raccogliere i mobili e l’elettronica il prima possibile e raccogliere tutti i possibili oggetti di valore lungo la strada”, ha scritto un combattente canadese nella sua dichiarazione dopo l’incidente.

I combattenti della Legione Internazionale accusano alcuni comandanti di aver dato loro l’ordine di saccheggiare un centro commerciale. (Illustrazione: Karolina Gulshani)

Secondo le testimonianze ufficiali dei soldati ottenute dal Kyiv Independent, “Sasha” ha anche detto ai subordinati di prendere qualsiasi cosa gli piacesse: scarpe, vestiti femminili, gioielli, orologi ed elettronica.

Molti soldati hanno obbedito poiché provengono da ambienti militari professionisti in cui non mettono in dubbio i comandi dei superiori.

“(Normalmente) dovresti dire ‘sì, signore’ e farlo. Perché credi che il tuo comandante sappia cosa ti sta chiedendo di fare… Dai solo per scontato che questa azione sia legale e la farai. Non dovresti metterlo in discussione”, ha detto il legionario brasiliano al Kyiv Independent.

“La gente del posto ha visto come abbiamo caricato i mobili, il che mi ha messo molto a disagio. Sembrava che li stessimo derubando. Non sono venuto in Ucraina per questo”, si legge nella testimonianza di un soldato colombiano.

“C’erano dei residenti vicino al centro commerciale, uno dei quali, vedendo questo, ha gridato insulti, e gli altri ci hanno guardato con rimprovero e condanna. Non so se fosse legale o meno, ma mi sono vergognato di eseguire l’ordine di Sasha Kuchynsky e di portare via mobili e oggetti di valore dai negozi durante le ostilità e davanti ai residenti locali che hanno sofferto la guerra”, ha scritto un legionario francese nella sua dichiarazione.

Alcuni soldati si sono rifiutati di eseguire l’ordine.

In questo video ottenuto dal Kyiv Independent, si possono sentire alcuni stranieri nel centro commerciale mettere in dubbio la legalità degli ordini di “Sasha”.

“Non saremo in alcun modo implicati come saccheggiatori. Non lo sosterremo”, si sente dire un soldato di lingua inglese.

Quindi dice alla folla che non starà davanti alla merce rubata e sta scendendo le scale ad aspettare fino a quando l’auto non lo prende e torna alla base. “Sasha” si arrabbia per il rifiuto dei soldati di eseguire i suoi ordini.

“Ascolta, questo è un ordine, di restare qui ad aspettare il comandante. Questo è un ordine. L’hai capito? Un ordine. Questo è l’esercito”, dice il comandante polacco in un russo stentato.

“Non trovo questo ordine lecito. Non lo riteniamo ragionevole”, risponde il soldato.

Il video si conclude con il soldato che dice ai suoi coetanei: “Andiamo di sotto, ragazzi. Non stiamo giocando”.

Secondo i legionari, Kuchynsky ha ordinato saccheggi simili in più occasioni e anche i soldati ucraini hanno ricevuto l’ordine di partecipare.

I legionari non sanno dove siano stati spediti gli oggetti. In un video ottenuto dal Kyiv Independent, si sente un soldato dire in russo che i mobili e l’elettronica presi dal centro commerciale erano per il quartier generale della loro unità a Kiev.

Accuse di furto di armi

Secondo i legionari, hanno assistito regolarmente a quelli che ritengono essere movimenti di armi sospetti.

“L’auto sta arrivando, le macchine stanno andando, le scatole delle armi arrivate vengono portate via”, ha detto uno dei soldati americani.

Nonostante le stanze dell’armeria della legione siano cariche di ogni sorta di armi pesanti e munizioni, i soldati dicono che spesso non sono finite nelle loro mani.

“Durante il mio soggiorno a Sievierodonetsk, è arrivato un veicolo civile dipinto con una mimetica contenente termocamere”, ha scritto un soldato colombiano nella sua testimonianza. “Non sono stati distribuiti tra i soldati a causa della loro presunta assenza. Nel frattempo, Sasha Kuchynsky ha proposto al personale militare della Legione Internazionale di acquistare queste termocamere per 300 dollari”.

“Penso che Sasha Kuchynsky abbia creato artificialmente l’impressione di una carenza di alcune munizioni per arricchirsi illegalmente fornendole ai combattenti (per denaro) come se fosse lui stesso”, ha scritto un altro combattente della Columbia nella sua testimonianza.

Secondo lui, due dei suoi commilitoni hanno su subito danni al loro udito a causa della mancanza di cuffie che sapeva essere nel loro arsenale ma sotto il controllo di Kuchynsky.

I soldati affermano che Kuchynsky porterebbe via parte delle munizioni che riceverebbero indipendentemente da volontari e donatori. La chiamavano la “tassa Sasha”.

“Quindi devi dare a Sasha quello che vuole. E poi puoi dare (il resto) di questa roba ai tuoi ragazzi”, ha detto uno dei soldati americani. “Tutto sembra solo un insabbiamento. È molto strano. Sembra un business (organizzato)”.

Lo stesso è successo a un altro soldato americano. Il suo carico è arrivato alla base mentre era in missione. Quando è tornato, alcuni pacchi erano spariti.

“Era etichettato per la nostra squadra. Quindi, in pratica, per così dire, metà della roba non c’era”.

In attesa di risposte e di una soluzione

I soldati stranieri affermano di non voler pubblicizzare la crisi nella Legione Internazionale e hanno cercato di risolvere la questione dietro le quinte.

Prima si sono lamentati con i loro comandanti, poi con i legislatori e infine sono arrivati ​​​​all’ufficio del presidente. Dal momento che la Legione è stata creata su ordine di Zelensky, i combattenti stranieri hanno contato sul sostegno della sua amministrazione, ma non hanno ottenuto molto aiuto da lì, hanno detto.

Alyona Verbytska, commissaria del presidente per i diritti dei soldati, ha detto al Kyiv Independent di aver informato i suoi superiori delle denunce dei legionari. Non ha spiegato a chi ha riferito esattamente.

Nell’ufficio del presidente, due persone sovrintendono alla Legione per Zelensky, secondo fonti del Kyiv Independent vicine all’Ufficio. Sono Vitaliy Martyniuk,  esperto di sicurezza nazionale, e Roman Mashovets,  vice capo dell’Ufficio ed ex dipendente dell’agenzia di intelligence GUR.

L’Ufficio del Presidente non ha risposto alla richiesta di commento dell’Indipendente di Kiev prima della pubblicazione.

La denuncia all’Ufficio del Presidente non ha funzionato. Le cose sono anche peggiorate, hanno detto i soldati, poiché coloro che hanno lanciato un allarme sulla leadership della Legione hanno iniziato a sentirsi sotto pressione e a ricevere minacce.

Nel frattempo, molti membri professionisti hanno lasciato l’unità a causa della cattiva gestione e problemi con le scartoffie. La Legione non ha fornito ad alcuni di loro contratti ufficiali.

“C’erano davvero bravi ragazzi delle forze speciali. Voglio dire, non dall’esercito regolare. Un sacco di ragazzi hanno letteralmente detto: ‘No, grazie. Non possiamo più lavorare così”, ha detto un soldato americano.

Coloro che sono rimasti nell’unità vogliono che continui ad aiutare l’Ucraina a opporsi alla Russia. Per farlo in modo efficace, credono, la Legione deve essere riformata sotto una nuova guida.

“Ho un’esperienza molto, molto, molto piacevole con tutti nell’esercito ucraino al di fuori di Sasha e Tarases”, ha detto uno dei soldati americani.

“Ho sempre tenuto la bocca chiusa. Solo perché le persone come Sasha screditano davvero tutto questo”, ha detto.  

Tratto da: The Kyiv Independent

17 agosto 2022

 

Print Friendly, PDF & Email

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*