Una telefonata allunga la vita… ma non arriva

L'attesa di una telefonata per poter lavorare, per riprendere la propria attività, una telefonata che non arriva mai di questi tempi

di Pietro Mazzuca.

Stagionali, avrebbe dovuto iniziare la stagione turistica, finalmente un po’ di ossigeno dopo il solito inverno inferno,
bollette da pagare, finalmente potremo
Proprietari di attività, investiamo o non investiamo in una attività autonoma che ci consente di mangiare?

Che certezze abbiamo se facciamo un investimento’ e se poi le regole cambiano? Investimento da rifare?

Operai che aspettano

Manovali che aspettano

Imprese che aspettano

Camerieri che aspettano

Barman che aspettano

Bagnini, cuochi, pizzaioli, ecc. aspettano

Padri di famiglia pensano incessantemente, come sfamare i nostri figli?

che brutta sensazione, angoscia….speranza….che viene distrutta giorno dopo giorno alla fine disperazione e ora?

Il governo tergiversa e promette le promesse direbbe cetto la qualunque, ma non siamo in un film , questa è l’amara realtà

Il “nobile premier per caso”, in un messaggio su Facebook, dopo aver per mesi utilizzato dirette a reti unificate di autocelebrazione, si “scusa” con i cittadini per i ritardi negli aiuti e finanziamenti, in una giornata in cui arriva anche il nuovo appello di Sergio Mattarella, GARANTE DELLA COSTITUZIONE?, inviato in occasione del Festa del lavoro, affinché le istituzioni collaborino lealmente a superare l’epidemia di coronavirus e guardare con speranza alla Fase 2 e al ritorno alla normalità.

Presidente , mentre il Parlamento viene esautorato , e la costituzione (volutamente minuscola) viene sospesa, qui moriamo di fame di stenti e cominciano i gesti estremi, questo lo sa vero?

I delatori pronti a fare la anonima telefonata, per qualche movimento sospetto di cittadini alla disperazione.

Banche che aspettano il malcapitato per distruggerlo

I capitali illeciti pronti a fagocitare tutto

Siamo messi nella condizione di aspettare una telefonata importante, purtroppo non si può chiamare noi, perché questa che aspettiamo è quella dove ti devono dire solo una parola: SI, vieni a lavorare, e questo si, vale una vita, la tua e quella della tua famiglia

Gli uni (stipendi , pensioni, e rendite) contro gli altri autonomi, partite iva, artigiani commercianti, ambulanti e si anche lavoro nero dall’altra.

Un proverbio calabrese recita

L’abbuttununcridaalludijunu

Traduco per i cultori della lingua Italiana

Chi è sazio, non può credere che ci sia qualcuno che ha fame.

La coscienza non abita più nei cuori e nelle menti di chi è al POTERE, non al GOVERNO

Non so se ci sia la Giustizia Divina , e men che meno quella terrena, ma le lacrime che fate sgorgare dagli occhi di padri , madri e figli innocenti, da qualche parte dovranno essere risarcite e coni dovuti interessi.

Non ho il sentimento del perdono in questi casi, ancora di meno

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici
Segui il blog e abbonati alla nostra rivista Sovranità Popolare

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile cartaceo, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*