Guerre stellari: Il Pentagono si affretta ad implementare le minacce in orbita

Le battaglie nello spazio

Usa Space Force

New York

di Eric Lipton

Il Pentagono si sta affrettando ad espandere la propria capacità di condurre guerre nello spazio, convinto che i rapidi progressi della Cina e della Russia nelle operazioni spaziali rappresentino una crescente minaccia per le truppe statunitensi e altri mezzi militari a terra e per i satelliti americani in orbita.
I dettagli delle decisioni del Pentagono rimangono altamente riservati. Ma i funzionari del Dipartimento della Difesa hanno sempre più riconosciuto che l’iniziativa riflette un cambiamento importante nelle operazioni militari, dato che lo spazio diventa sempre più un campo di battaglia.

Gli Stati Uniti non si affideranno più semplicemente ai satelliti militari per comunicare, navigare, tracciare e colpire le minacce terrestri, strumenti che per decenni hanno dato al Pentagono un grande vantaggio nei conflitti.

Il Dipartimento della Difesa sta invece cercando di acquisire una nuova generazione di strumenti terrestri e spaziali che gli consentiranno di difendere la propria rete satellitare dagli attacchi e, se necessario, di interrompere o disattivare i veicoli spaziali nemici in orbita, come hanno dichiarato i funzionari del Pentagono in una serie di interviste, discorsi e dichiarazioni recenti.

La strategia si differenzia fondamentalmente dai precedenti programmi militari nello spazio per l’ampliamento della gamma di capacità offensive, ben lontane dalla proposta dell’iniziativa di Difesa Strategica degli anni ’80, mai realizzata, che si concentrava sull’uso dei satelliti per proteggere gli Stati Uniti da attacchi missilistici nucleari.

“Dobbiamo proteggere le nostre capacità spaziali e allo stesso tempo essere in grado di negare a un avversario l’uso ostile delle sue capacità spaziali”, ha dichiarato a marzo il Gen. Chance Saltzman, capo delle operazioni spaziali della Space Force, l’agenzia creata nel 2019 come nuova divisione del Dipartimento dell’Aeronautica per guidare lo sforzo. “Perché se non abbiamo lo spazio, perdiamo”.

I funzionari del Pentagono e una recente valutazione non classificata del direttore dell’intelligence nazionale affermano che sia la Russia che la Cina hanno già testato o dispiegato sistemi come laser ad alta energia basati a terra, missili antisatellite o satelliti manovrabili che potrebbero essere utilizzati per disturbare le risorse spaziali americane.

La preoccupazione è aumentata con la notizia che la Russia potrebbe sviluppare un’arma nucleare spaziale in grado di spazzare via i satelliti in orbita, sia commerciali che militari. [Cosa che la Russia nega fermamente. Mosca afferma di essere impegnata a rispettare il Trattato sullo spazio extra-atmosferico del 1967 che vieta le “armi di distruzione di massa” nello spazio]. L’uso da parte della Russia di strumenti di disturbo elettronico durante la guerra in Ucraina – che a volte hanno messo in crisi i sistemi avanzati di armamento americani – è citato dai funzionari del Pentagono come un’altra ragione per cui gli Stati Uniti devono intensificare le loro difese nello spazio.

“Ora non è più una questione teorica”, ha dichiarato il mese scorso il generale Stephen N. Whiting, che sovrintende al Comando spaziale, responsabile dell’utilizzo delle risorse spaziali per la difesa degli Stati Uniti, in un incontro con i giornalisti durante una conferenza dell’industria spaziale in Colorado. “È reale. È dispiegato, nell’ambiente”.

Ma la mossa di migliorare la capacità bellica nello spazio è guidata soprattutto dall’espansione della flotta cinese di strumenti militari nello spazio.

“La Cina ha messo in campo una serie di capacità spaziali progettate per colpire le nostre forze”, ha dichiarato in un’intervista il segretario dell’Aeronautica Frank Kendall. “E non saremo in grado di operare con successo nel Pacifico occidentale se non riusciremo a sconfiggerle”.

Il generale Whiting ha detto che la Cina ha triplicato la sua rete di satelliti di intelligence, sorveglianza e ricognizione dal 2018, che ha descritto come una “rete micidiale sopra l’Oceano Pacifico per trovare, fissare, tracciare e, sì, colpire le capacità militari degli Stati Uniti e degli alleati”.

I funzionari governativi di Cina e Russia hanno respinto queste affermazioni, sostenendo che sono gli Stati Uniti a guidare la militarizzazione dello spazio.

Gli Stati Uniti hanno ripetutamente parlato della Cina come di una “minaccia nello spazio esterno” per diffamare e attaccare la Cina”, ha dichiarato un comunicato del governo cinese pubblicato all’inizio di quest’anno, definendo questo sforzo ‘solo una scusa per gli Stati Uniti per espandere le proprie forze nello spazio esterno e mantenere l’egemonia militare’.

Nel contrastare le rivendicazioni americane, il mese scorso Russia e Cina hanno sollecitato senza successo il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a “impedire per sempre il posizionamento di armi nello spazio esterno”.

[Russia e Cina da oltre 25 anni presentano ogni anno un nuovo trattato per vietare tutte le armi nello spazio. Gli Stati Uniti e Israele hanno sempre bloccato le proposte di trattato durante le amministrazioni repubblicane e democratiche].

John F. Plumb, assistente segretario alla Difesa per la politica spaziale, ha definito la proposta russa e cinese – avanzata dopo che gli Stati Uniti hanno spinto per una risoluzione [non vincolante] che ribadisce che le armi nucleari non dovrebbero essere dispiegate nello spazio – impossibile da verificare e da far rispettare e “ipocrita perché sia la Russia che la Cina stanno dispiegando armi”.

La militarizzazione dello spazio è inevitabile, ha aggiunto.

“La storia dell’umanità insegna che laddove ci sono vantaggi militari, i militari operano”, ha detto Plumb in un’intervista. “Le persone cercheranno di neutralizzare questi vantaggi e di sfruttarli. E lo spazio non è diverso”.

I funzionari americani stanno invece procedendo con uno sforzo che chiamano “campagna di controspazio responsabile”, un termine volutamente ambiguo che evita di confermare direttamente che gli Stati Uniti intendono mettere le proprie armi nello spazio.

Ma vuole anche riflettere l’impegno degli Stati Uniti a perseguire i propri interessi nello spazio senza creare enormi campi di detriti che si formerebbero se un ordigno o un missile esplosivo venisse usato per far saltare in aria un satellite nemico. È quello che è successo nel 2007, quando la Cina ha usato un missile per far esplodere un satellite in orbita. Stati Uniti, Cina, India e Russia hanno testato missili di questo tipo. Ma nel 2022 gli Stati Uniti hanno promesso di non effettuare più test antisatellite di questo tipo.

Gli Stati Uniti dispongono da tempo di sistemi terrestri che consentono di disturbare i segnali radio, interrompendo la capacità del nemico di comunicare con i propri satelliti, e stanno già adottando misure per modernizzare questi sistemi.

Ma con il suo nuovo approccio, il Pentagono si sta muovendo per assumere un compito ancora più ambizioso: sopprimere ampiamente le minacce nemiche in orbita, in modo simile a quanto fa la Marina negli oceani e l’Aeronautica nei cieli.

Una delle principali priorità è la cosiddetta protezione delle forze, ovvero la capacità della Forza spaziale di garantire che le altre branche dell’esercito non siano minacciate dall’uso dei satelliti da parte del nemico per individuarle e colpirle prima che le loro unità raggiungano il campo di battaglia.

“Il raggiungimento della superiorità spaziale attraverso un’efficace soppressione delle capacità spaziali nemiche” è il modo in cui una dottrina di guerra del Pentagono recentemente aggiornata descrive questa tattica.

Dato il carattere riservato di questo lavoro, i funzionari del Pentagono hanno rifiutato di discuterne i dettagli. Gli assistenti del generale Saltzman hanno cancellato un’intervista programmata con il New York Times dopo aver saputo che gli sarebbero state fatte domande su specifici strumenti di guerra.

“C’è valore nell’ambiguità, in modo che i potenziali concorrenti e i concorrenti strategici debbano capire cosa stiamo facendo”, ha detto il generale Whiting quando il Times gli ha chiesto separatamente degli sforzi della Space Force.

Ma ci sono degli indizi, tra cui un recente rapporto redatto da Charles S. Galbreath, ex colonnello della Space Force. Egli ha citato tre esempi che potrebbero disattivare le reti satellitari nemiche: attacchi informatici, laser terrestri o spaziali e microonde ad alta potenza.

Un rapporto finanziato dal Pentagono, risalente agli anni ’90, proponeva la costruzione di un satellite “hunter killer” basato nello spazio che avrebbe inviato un fascio di alta energia verso i satelliti nemici per bruciarne l’elettronica, prevedendo che avrebbe potuto far parte delle operazioni dell’Air Force a partire dal 2025.

Usa Space Force

John Shaw, un tenente generale della Space Force da poco in pensione che ha contribuito a dirigere il Comando spaziale, concorda sul fatto che i dispositivi a energia diretta basati a terra o nello spazio saranno probabilmente parte di qualsiasi sistema futuro.

“Riducono al minimo i detriti e funzionano alla velocità della luce”, ha detto. “Probabilmente questi saranno gli strumenti di scelta per raggiungere il nostro obiettivo”.

Gli Stati Uniti non hanno mai confermato pubblicamente di possedere armi spaziali.

I leader del Pentagono hanno rifiutato di discutere di qualsiasi specifica, se non di dire che entro il 2026 intendono avere “una sostanziale capacità in orbita che ci permetta di competere in operazioni [di dominio] a tutto spettro”, come il generale Saltzman ha descritto il piano ai legislatori del Senato lo scorso anno, alludendo a capacità offensive.

Ma il Pentagono ha anche già il suo segreto X-37B, un aereo spaziale senza equipaggio simile allo Space Shuttle che ha già volato per sette missioni, portando a speculazioni sul fatto che potrebbe essere progettato come piattaforma per le armi. I funzionari militari hanno detto che viene usato per esperimenti. [Nelle simulazioni di guerra al computer del comando spaziale, l’X-37 viene utilizzato per un attacco di primo impatto contro la Russia e la Cina, come riportato da Aviation & Space Week].

Il Pentagono sta lavorando separatamente al lancio di una nuova generazione di satelliti militari in grado di manovrare, di essere riforniti di carburante mentre sono nello spazio o di avere braccia robotiche che potrebbero raggiungere e afferrare – e potenzialmente distruggere – un satellite nemico.

Un altro obiettivo iniziale è la protezione dei satelliti di difesa missilistica. Il Dipartimento della Difesa ha recentemente iniziato a richiedere che una nuova generazione di questi sistemi di monitoraggio spaziale abbia strumenti integrati per eludere o rispondere a eventuali attacchi. Una recente commessa per la difesa missilistica ha descritto una “funzione di resilienza per proteggere dai meccanismi di attacco a energia diretta”.

Il mese scorso il Pentagono ha anche assegnato contratti a due aziende – Rocket Lab e True Anomaly – per il lancio di due veicoli spaziali entro la fine del prossimo anno, uno che agirà come un finto nemico e l’altro dotato di telecamere, per avvicinarsi e osservare la minaccia. Il satellite di intercettazione non avrà armi, ma ha una stiva che potrebbe trasportarle.

Il generale Saltzman ha dichiarato che sta cercando di ridurre la vulnerabilità degli Stati Uniti a un attacco spaziale.

“Per evitare sorprese operative è necessario mantenere una comprensione accurata del dominio spaziale in ogni momento”, ha dichiarato il mese scorso ai membri della maggioranza al senato, aggiungendo che circa 2,4 miliardi di dollari del bilancio proposto per la Space Force, pari a 29,4 miliardi di dollari per il 2025, sono stati accantonati per la “consapevolezza del dominio spaziale”.

Poiché i programmi sono classificati, nessuno al di fuori del governo è in grado di stimare in modo affidabile quanto viene speso cumulativamente per i sistemi progettati per interrompere o disattivare le risorse spaziali nemiche. Ma Todd Harrison, un ingegnere aerospaziale che studia il bilancio spaziale militare presso il conservatore American Enterprise Institute, ha detto che probabilmente si tratta di centinaia di milioni di dollari all’anno. [E considera anche il “bilancio nero” segreto del Pentagono].

Anche con questo, ha detto Harrison, ci vorranno probabilmente cinque o dieci anni prima che gli Stati Uniti dispongano di una serie sostanziale di armi offensive nello spazio, ammesso che tale sforzo vada avanti.

Altri sostengono che gli stessi Stati Uniti stiano spingendo troppo per trasformare lo spazio in una zona di combattimento.

“Questa è una ricerca per raggiungere, ottenere il dominio da parte degli Stati Uniti”, ha dichiarato Bruce Gagnon, un attivista pacifista di lunga data del Maine che ha chiesto il divieto di tutte le armi nello spazio.

Il Pentagono non è affatto scoraggiato. Sta lavorando per coordinare i suoi cosiddetti sforzi contro-spaziali con i principali alleati, tra cui Gran Bretagna, Canada e Australia, attraverso un’operazione multinazionale chiamata Operazione Olympic Defender.

La Francia è stata particolarmente aggressiva, annunciando l’intenzione di costruire e lanciare entro il 2030 un satellite dotato di un laser ad alta potenza.

Nonostante questo sforzo congiunto, i funzionari del Pentagono e del Congresso concordano sul fatto che la Forza spaziale non si sta muovendo abbastanza velocemente.

“Non stiamo acquisendo le capacità controspaziali al ritmo necessario per combattere e vincere nello spazio”, ha dichiarato il mese scorso il rappresentante Mike Rogers, repubblicano dell’Alabama e presidente della Commissione Servizi Armati della Camera, durante un’audizione sul bilancio dell’Aeronautica.

Ma è chiaro che una certa soglia è stata superata: Lo spazio è entrato a tutti gli effetti a far parte del dominio militare di combattimento, come hanno affermato funzionari attuali ed ex del Pentagono.

“Non vogliamo assolutamente che la guerra si estenda allo spazio”, ha detto il tenente generale DeAnna M. Burt, vice capo delle operazioni spaziali, durante un evento del Mitchell Institute all’inizio di quest’anno. “Ma se dovesse accadere, dobbiamo essere pronti a combattere e vincere”.

Grazie a Dio gli uomini non possono volare e distruggere il cielo e la terra”.
~ cit. Henry David Thoreau

Print Friendly, PDF & Email

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*