I quattro uomini sospetti e armati sono stati consegnati a Mosca

Fatti nuovi

Mosca. Municipio City Hall Crocus

Mosca 24 marzo 2024

di Vladimir Kozin

Attentatore Mosca arrestato

Sabato 23 marzo 2024, i canali televisivi federali hanno pubblicato il filmato dell’interrogatorio sul luogo di detenzione di uno dei sospetti. L’uomo (nella foto a destra, che ha fornito il suo nome e la sua data di nascita), nel video afferma di aver compiuto la follia omicida dopo che gli erano stati promessi 500.000 rubli (circa 5.400 dollari). Il sospetto ha anche affermato che i suoi supervisori gli avevano dato istruzioni sul luogo dell’attacco. Ha detto che gli era stato ordinato di “uccidere le persone lì… non importa chi”. Il sospetto ha affermato che l’atto terroristico è stato organizzato su Telegram con una persona sconosciuta che ha fornito le armi. Il presunto autore ha affermato che metà della somma era già stata trasferita sulla sua carta di debito.

Anche il resto del gruppo di quattro sospetti detenuti (l’altro è a sinistra) ha confessato di essersi trovato al Crocus City Hall durante l’attacco e di aver sparato contro gli spettatori.

Attentatore arrestato a Mosca

Il Ministero degli Interni russo ha confermato che nessuno dei principali sospetti aveva la cittadinanza russa.
Secondo i testimoni oculari, gli uomini armati hanno aperto il fuoco a bruciapelo contro chiunque si trovasse a portata di mano. Gli assalitori hanno poi dato fuoco all’edificio. Le fiamme si sono rapidamente estese a gran parte dell’edificio, compreso il tetto. Per spegnere l’incendio sono intervenuti diversi vigili del fuoco e aerei. Il Ministero delle Emergenze ha dichiarato che circa 13.000 metri quadrati dell’edificio di sette piani sono stati avvolti dalle fiamme (il tetto della sala è crollato).

Durante il discorso alla nazione del 23 marzo, il Presidente Putin ha chiarito che il Servizio di Sicurezza Federale e le altre forze dell’ordine stanno lavorando diligentemente per identificare e smascherare la base di complici dietro questi terroristi: coloro che hanno fornito loro il trasporto, pianificato le vie di fuga dalla scena del crimine e preparato cache con armi e munizioni.
Vladimir Putin ha detto in un discorso televisivo che, secondo le informazioni preliminari, la parte ucraina aveva preparato “un varco” nel confine per consentire ai terroristi di attraversarlo.
Tutti e quattro gli uomini armati sono stati fermati e arrestati sull’autostrada a 100 km dal confine russo-ucraino. Hanno usato la stessa auto Renault bianca che li ha portati al municipio di Crocus la sera del 22 marzo 2024. Il numero di targa dell’auto è lo stesso: T 668 УM 69. I poliziotti russi hanno trovato nell’auto una pistola Makarov e una cartucciera (caricatore) per fucile d’assalto Kalashnikov.
Nel municipio di Crocus sono stati trovati due fucili d’assalto Kalashnikov, 500 cartucce e 28 scatole di cartucce utilizzate dai terroristi.

Print Friendly, PDF & Email

Abbonati alla rivista

Sovranità Popolare è un mensile, 32 pagine di articoli, foto, ricerche, analisi e idee. Puoi riceverlo comodamente a casa o dove preferisci. E' semplice, iscriviti qui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*